CoScripter – Firefox Automatizzato

Capita a tutti di fare cose ripetitive, anche più volte al giorno, attraverso il browser: compilare form, fare ricerche (avanzate) attraverso più pagine piene di parametri, controllare i conti on-line, controllare, mantenere ed inviare email tramite interfaccia web. Tante di queste operazioni potrebbero benissimo essere automatizzate, o almeno ridotte all’osso: forse l’avranno pensata così all’IBM 🙂

CoScripter è un’estensione per Firefox che permette di registrare azioni durante la navigazione, le salva come una sorta di semplice file di testo in forma di lista, una sorta di “To-Do List”, i cui elementi (variabili) sono sempre modificabili. Quando si avrà l’esigenza di ripetere tutto il processo si potrà farlo con un semplice click.

Siccome un’immagine vale più di mille parole (…e figuriamoci un video) ecco una dimostrazione pratica di quanto ho tentato di dire, direttamente dai laboratori di IBM: video demonstrating how CoScripter works.

Intanto io ho provato a crearmi un’azione che posta in automatico su Twitter, basta solo un clik, pare che funzioni.

CoScripter

All’interno delle pagine del portale si trovano azioni già pronte per l’utilizzo.
Letto su Mozilla Labs Blog – CoScripter

Annunci

Serverskine – Gestione ed Archiviazione dei parametri di accesso ai nostri domini

… che titolo lungo! Chi gestisce molti domini (solitamente) ha un problema: i parametri di accesso ad essi. Non conto le volte che mi sono trovato a dover aprire l’archivio cartaceo dei domini che di volta in volta ho gestito solo perché avevo dimenticato l’indirizzo ftp o la password.

Ho sempre cercato (disinteressatamente) di risolvere la questione, una volta con un semplice file di testo, una con un db dove potevo archiviare i vari dati, ho provato con i file Excel addirittura con una semplice rubrica telefonica. Ogni volta c’era qualche cosa che non andava… ripeto che non mi sono mai interessato a cercare una soluzione definitiva, di volta in volta mi sono arrangiato come capitava.

L’altro giorno su iusethis come prima applicazione compariva Serverskine, applicazione tanto semplice quanto comoda, nata proprio per risolvere questi piccoli grattacapi.

L’applicazione non fa altro che archiviare e organizzare i parametri di accesso dei nostri server, gli indirizzi FTP le Password, quelli dei DB, dei domini ecc. ecc. L’archivio può essere esportato come XML o SQL, i dati possono essere inviati via email con un layout preimpostato ai vari clienti con un semplice clik, senza dover scrivere una sola parola.

In tutta questa storia non saprei dire se le “norme di sicurezza” siano tutte rispettate, resta il fatto che l’applicazione è terribilmente comoda e funzionale, valeva la pensa segnalarla!

Xslimmer

Sempre tra le preziosissime screenshots di factoryjoe trovate qualche cosa di molto interessante ed utile, qualche scatto fatto a Xslimmer in azione 😉

Xslimmer analizza le applicazioni che abbiamo installato sul nostro mac, alla ricerca di pezzi di codice superflui, una volta trovati li rimuove stando attento a non compromettere la funzionalità dell’applicazione stessa. Ad esempio le applicazioni Universal Binaries portano con se codice per l’una o l’altra architettura, Xslimmer non fa altro che individuare cosa serve alla nostra macchia ed eliminare tutto il resto. Tra le cose superflue che vengono ripulite ci sono le localizzazione delle varie applicazioni: di un pacchetto di applicazioni solitamente un utente utilizza una al massimo due lingue, tutte il resto è fuffa, prontamente rimossa da Xslimmer.

Funziona?
… a giudicare dalla schermata visualizzata sul sito e da quella scattata da factoryjoe direi proprio di si, in numeri, riporto quello che vedo: Adium 33,7 -> 18,8; PS CS3 246 -> 143; Google Earth 100 -> 54; Transmit 14.5 -> 6.5

Di seguiti una schermata di proiezione sulla riduzione di peso dei pacchetti iLife08 e iWork08, si recuperano su 1,27 GB circa 535MB, non male davvero!

Al commento fatto alla foto factoryjoe mi ha segnalato il caso di Stephen Collins che sul suo MacBook Pro ha fatto fuori 2GB di ‘monnezza 😉

L’applicazione è a pagamento, costa solo 11$, la versione di prova offre uno stoccaggio di 50MB dopo di che si blocca. Da provare!

Technorati Tags: , , ,

Hyperwords – Firefox Add-ons

Make every word interactive with Hyperwords. :: Firefox Add-ons
Makes every word on every page live, not just links. Select any text and choose a command: Search • References • Conversion • Translation • Shop • Blog • Tag • Email & more. Over 200 commands available in an editable menu, very easy to use and actively supported.

Il testo sopra è in inglese semplicemente perché stavo testando le potenzialità dell’estensione descritta oggi su downloadblog. Non c’è che dire, è utilissima, di seguito riporto anche il video utilizzato nel post, sempre continuando a giocherellare con Hyperwords 🙂

Universal Search – Google Experimental Search – Google Cross-Language – Google 2.0?

Nei laboratori di Google ci sono novità.

La prima, e forse meno importate è Google Voice Local Search, meno importante solo perché tutte le altre sanno di rivoluzionario 😀 . Un servizio semplice ed efficace, si chiama il numero indicato per “1-800-GOOG-411 (1-800-466-4411)” si dice quello che si vuole trovare, sulla pagina viene fatto l’esempio di “Giovanni’s Pizzeria” o solo “pizza” e si ricevono in informazioni in automatico (anche via SMS)… e con questo Google ha gettato le fondamenta per il licenziamento di massa degli operatori dei servizi di consultazione telefonica tipo il 12xx.

Le altre, “la rivoluzione“, sono Universal Search, un Nuovo Design dell’interfaccia e Google Experimental

Universal Serach rappresenta l’anima della rivoluzione che si sta tentando di fare, in pratica non è altro che un sistema in grado di in integrare le varie tipologie di ricerca: news, foto, video, blog e contenuti vari e di presentarli in maniera unificata un sola pagina. Di questa nuovo sistema se ne parlò già a febbraio, e bisogna anche dire che nel web non rappresenta una novità, ma di sicuro lo introduce a pieno merito al mondo 2.0 Google 2.0: Google Universal Search Altre letture:

Il Nuovo Design, o sarebbe meglio parlare del re-design della pagina esistente,  prevederebbe l’utilizzo di menù a tendina o orizzontali posizionati ad hoc (in alto nella pagina) per una più agile fruizione dei contenuti, affiancato poi anche da menù contestuali per affinare e definire meglio le ricerche. Trovate una descrizione dettagliata di quello che avverrà in questo articolo: Google’s New Navigational Links: An Illustrated Guide mentre per provare su strada quanto era stato fatto in precedenza basta andare su google.com/ncr. Il link che ne parlava il 23 Aprile: Try Google’s Next Design Before It Goes Live.

Google Experimental rappresenta invece la volontà di dirigersi verso nuovi modi di ricercare attraverso la mappatura grafica di risultati (Timeline and map views), di tabelle e rimandi contestuali (Left-hand search navigation – Right-hand contextual search navigation), e integrazioni di funzioni per il miglioramento dell’ergonomia e dell’usabilità delle interfacce (Keyboard shortcuts) … sbaglio o ci dirigiamo veramente verso un qualche cosa che somigli ad un OS 🙂

Ancora qualche link: Google Launches New Design, Universal Search and a Site for Search Experiments

Ma non finisce qui… ( per me questa è la ciliegina sulla torta 😀 ) molto probabilmente in un prossimo futuro il non parlare una lingua non sarà un problema, almeno sul web, e grazie a google. L’intenzione è quella di creare un sistema di ricerca Cross-Language, in grado di fare traduzioni automatiche di contenuti da cercare e trovati, in modo da abbattere il grande ostacolo delle lingue. Lettura: Google To Launch Cross-Language Search Engine; On-The-Fly Translations of Queries and Results

Va bèh… basta che sono le tre… e io mi devo alzare alle sette!

Technorati Tags: ,

Come installare applicazioni Linux su OSX – Fink

Simplehelp pubblica una semplice guida che ci aiuta nei primi utilizzi di Fink, applicazione open source, in grado di rendere utilizzabili applicazioni ideate per Linux su Mac OS X. Il tutorial, è diviso un 4 parti e corredato di screenshot che aiutano passo passo nell’istallazione di Fink, nella sua configurazione e nella istallazione e lancio delle applicazioni linux:

  1. Installing Fink and Fink Commander
  2. Configuring Fink
  3. Installing Linux applications
  4. Launching Linux applications with Quicksilver

Technorati Tags: , , ,

WordPress.com Cheat Sheet

Qualche tempo fa scrissi un post dove elencavo tutte le emoticons presenti sulla piattaforma di wordpress.com ed il modo per usufruirne. Per quanto uno le usi alla fine capita sempre che il codicillo che le tira fuori cada nel dimenticatoio, stessa cosa per il codice che permette di inserire i filmati flash in un post, ad esempio non ricordo mai se mettere le virgolette (“”) o no. Insomma per farla breve ho realizzato una pagine con all’interno riassunte tutte le modalità di scrittura dei vari contenuti che wordpress.com mette a disposizione.

WordPress.com Cheat Sheet

Anteprima

la pagina è studiata per andare ad infilarsi nella sidebar di Firefox, quindi come al solito le istruzioni sono: salvate la pagina nel BookMark, nella Barra dei Segnalibri

Pannello

rintracciate il link salvato, clik con il tasto destro e Proprietà a questo punto spuntate la solita “carica nella Barra Laterale”, io ho aggiunto anche wp smile

Pannello

All’interno della pagina sono riportate tutte le Emoticons e relativi codici, le Shortcuts per la scrittura veloce nell’editor (che palle quel pop up), i codici esempio per l’inserimento dei video di You Tube, Google Video e Daily Motion, i codici esempio per le Slideshow, quelli per l’inserimento dello streaming di mp3, e quello per il contact-form. Di fianco troverete anche un tasto “info” che rimanda ai vari post ufficiali di wordpress.com.

Per abbellire il tutto l’ho reso personalizzabile con vari temi colorati, selezionabili dalla barra in alto. I colori a disposizione per il momento sono Verde, Blu, Arancio, Grigio e Bianco :

La pagina è depositata su un dominio si altervita, non dovrebbero esserci problemi, almeno credo, le icone sono quelle del mio dominio di wordpress.com. Il consiglio finale è quello di non duplicare la pagina, in modo che l’originale possa essere modificata e aggiornata nell’eventualità che worppress.com rilasci nuove features. Il risultato finale è questo:

Tutti i colori delle WP CS

Spero possa esservi utile 😉