Xslimmer

Sempre tra le preziosissime screenshots di factoryjoe trovate qualche cosa di molto interessante ed utile, qualche scatto fatto a Xslimmer in azione 😉

Xslimmer analizza le applicazioni che abbiamo installato sul nostro mac, alla ricerca di pezzi di codice superflui, una volta trovati li rimuove stando attento a non compromettere la funzionalità dell’applicazione stessa. Ad esempio le applicazioni Universal Binaries portano con se codice per l’una o l’altra architettura, Xslimmer non fa altro che individuare cosa serve alla nostra macchia ed eliminare tutto il resto. Tra le cose superflue che vengono ripulite ci sono le localizzazione delle varie applicazioni: di un pacchetto di applicazioni solitamente un utente utilizza una al massimo due lingue, tutte il resto è fuffa, prontamente rimossa da Xslimmer.

Funziona?
… a giudicare dalla schermata visualizzata sul sito e da quella scattata da factoryjoe direi proprio di si, in numeri, riporto quello che vedo: Adium 33,7 -> 18,8; PS CS3 246 -> 143; Google Earth 100 -> 54; Transmit 14.5 -> 6.5

Di seguiti una schermata di proiezione sulla riduzione di peso dei pacchetti iLife08 e iWork08, si recuperano su 1,27 GB circa 535MB, non male davvero!

Al commento fatto alla foto factoryjoe mi ha segnalato il caso di Stephen Collins che sul suo MacBook Pro ha fatto fuori 2GB di ‘monnezza 😉

L’applicazione è a pagamento, costa solo 11$, la versione di prova offre uno stoccaggio di 50MB dopo di che si blocca. Da provare!

Technorati Tags: , , ,

Annunci

… stanno arrivando, nuovi MacBook Pro

wellbebacksoon.jpg

Apple Store off-line :mrgreen:
… stanno per sfornare il mio prossimo portatile, era ora! Cominciano anche a filtrare indiscrezioni sui dettagli delle prossime macchine, i dettagli secondo Apple Insider.

Spero solo non perdano il treno degli schermo al LED visto che la concorrenza proprio oggi si è decisa a sfornarli, insomma è una corsa: Dell XPS m1330 performance ultraportable revealed

Ho visto scritto su più di qualche pagina anche la parola iPod, per il momento non mi interessa, ma gli iPod potrebbero benissimo essere presentati l’11 (o no?) – che vogliano dedicarsi solo all’iPhone l’11…? mhaa ….

La mappa italiana di Twitter

Kromeboy, Sergio Longoni, ieri ha finalmente rilasciato la mappa italiana degli utenti Twitter, in verità la mappa non riporta tutti gli utenti italiani ma quelli che sono capitati nella sua rete di contatti. Nel post di presentazione ci sono le spiegazioni, il modo per essere presenti nella mappa e alcuni dettagli tecnici sulla realizzazione e la licenza di utilizzo. Io sono posizionato in una zona centrale, la centralità è dovuta naturalmente al numero di amici/contatti:

Una curiosità…
Ho voluto tracciare le diagonali del grande quadratone di Kromeboy per scoprire chi è il baricentro della twittersfera italiana, so benissimo che la mappa è relativa ad un utente, tuttavia da utilizzatore assidue posso dire che rappresenta benissimo la realtà (globale)

Mappa Italiana di Twitter

al centro troviamo le persone con più contatti, catepol e DElyMyth su tutti rappresentano anche quelle più attive e proficue in termini di post.

Per scaricare la mappa vi rimando al post  di Sergio: La Mappa della rete Twitter Italiana KromeBlog – il blog di Sergio Longoni

Universal Search – Google Experimental Search – Google Cross-Language – Google 2.0?

Nei laboratori di Google ci sono novità.

La prima, e forse meno importate è Google Voice Local Search, meno importante solo perché tutte le altre sanno di rivoluzionario 😀 . Un servizio semplice ed efficace, si chiama il numero indicato per “1-800-GOOG-411 (1-800-466-4411)” si dice quello che si vuole trovare, sulla pagina viene fatto l’esempio di “Giovanni’s Pizzeria” o solo “pizza” e si ricevono in informazioni in automatico (anche via SMS)… e con questo Google ha gettato le fondamenta per il licenziamento di massa degli operatori dei servizi di consultazione telefonica tipo il 12xx.

Le altre, “la rivoluzione“, sono Universal Search, un Nuovo Design dell’interfaccia e Google Experimental

Universal Serach rappresenta l’anima della rivoluzione che si sta tentando di fare, in pratica non è altro che un sistema in grado di in integrare le varie tipologie di ricerca: news, foto, video, blog e contenuti vari e di presentarli in maniera unificata un sola pagina. Di questa nuovo sistema se ne parlò già a febbraio, e bisogna anche dire che nel web non rappresenta una novità, ma di sicuro lo introduce a pieno merito al mondo 2.0 Google 2.0: Google Universal Search Altre letture:

Il Nuovo Design, o sarebbe meglio parlare del re-design della pagina esistente,  prevederebbe l’utilizzo di menù a tendina o orizzontali posizionati ad hoc (in alto nella pagina) per una più agile fruizione dei contenuti, affiancato poi anche da menù contestuali per affinare e definire meglio le ricerche. Trovate una descrizione dettagliata di quello che avverrà in questo articolo: Google’s New Navigational Links: An Illustrated Guide mentre per provare su strada quanto era stato fatto in precedenza basta andare su google.com/ncr. Il link che ne parlava il 23 Aprile: Try Google’s Next Design Before It Goes Live.

Google Experimental rappresenta invece la volontà di dirigersi verso nuovi modi di ricercare attraverso la mappatura grafica di risultati (Timeline and map views), di tabelle e rimandi contestuali (Left-hand search navigation – Right-hand contextual search navigation), e integrazioni di funzioni per il miglioramento dell’ergonomia e dell’usabilità delle interfacce (Keyboard shortcuts) … sbaglio o ci dirigiamo veramente verso un qualche cosa che somigli ad un OS 🙂

Ancora qualche link: Google Launches New Design, Universal Search and a Site for Search Experiments

Ma non finisce qui… ( per me questa è la ciliegina sulla torta 😀 ) molto probabilmente in un prossimo futuro il non parlare una lingua non sarà un problema, almeno sul web, e grazie a google. L’intenzione è quella di creare un sistema di ricerca Cross-Language, in grado di fare traduzioni automatiche di contenuti da cercare e trovati, in modo da abbattere il grande ostacolo delle lingue. Lettura: Google To Launch Cross-Language Search Engine; On-The-Fly Translations of Queries and Results

Va bèh… basta che sono le tre… e io mi devo alzare alle sette!

Technorati Tags: ,

MoniTwitter

Una nuova diavoleria simil-twitter. Monitwitter che non ha niente a che fare con Obvious Corp è una semplice applicazione web che serve per monitorare i nostri siti.

Ci si iscrive, fornendo l’indirizzo del sito da monitorare e monitwitter comincia a pingare il nostro sito, quando (e se) lo vede down ci avverte via Twitter, il che significa che a potremo ricevere gli alert  via email, IM o sul telefonino. Queste cose esistono già, ma di solito sono a pagamento, almeno per quanto riguarda il telefonino. Quindi…

Per adesso il sito riporta solamente 191 siti pingati, cresceranno?

Technorati Tags: , , ,

WordPress… sparliamone

Intanto la prima cosa da segnalare è che rilasciata la versione 2.2 , e un link anche qui, con tante buone notizie Widget integrati, un supporto migliore per Atom, è migliorato il meccanismo per importare i contenuti da Blogger, hanno “implementato la coda LIFO per i commenti in AJAX” 😀 (sbaglio o qui su wordpress.com già è funzionante da tempo?) e l’hanno battezzata Infinite comment stream, hanno messo qualche protezione per chi commette nefandezze nel pannello d’amministrazione, hanno ottimizzato la velocità o_o e hanno sistemato la questione tra il form WYSIWYG e Safari, visto che non andavano per niente d’accordo.

Io ancora non ho provato niente. Oggi vedremo. Quello che volevo invece segnalare è che ieri, su Twitter ho visto DElyMyty che twittava qualche link in risposta alla domanda sul perché non utilizzasse WordPress, o almeno credo fosse questa la faccenda… riporto quindi il post:

[WordPress] Dal Buco Alla Voragine | DElyMyth – /dev/null

L’articolo fa anche riferimento alla Wish List che Andrea Beggi compilò lo stesso giorno ma forse qualche minuto prima:

Andrea Beggi » WordPress: come lo vorrei veramente

Insomma dagli articoli wordpress non ne esce proprio bene… tutto bello, tutto carino, ma ci sono grossi problemi e piccoli difetti che andrebbero risolti. Assolutamente! Spero che in questa 2.2 sia cambiato qualche cosa, o almeno sia il punto di inizio per sviluppare qualche cosa di veramente buono, in modo che DElyMyty la prossima volta non sia costretta a fare i salti mortali per un semplice aggiornamento 😀

Intanto oggi:
non dovrebbe, relativamentte parlando, entrarci niente con WordPress, ma il blog è mio di pseudo-offtopics ne faccio quanti ne voglio 😀

sempre via twitter (ecco perché amo twitter), pseudotecnico segnalava una cosa importate, una (doppia) vulnerabilità di Akismet – nel senso che un bug è stato patchato con una patch baggata (…e che cazzo!):

in italia ne scrivono:

Intanto io:
pensando ad un domino serio, tutto mio, (questo blog resterà sempre qui! è troppo comodo! 😉 ) ci penserei due volte prima di mettere su WordPress, incomincerei a testare più seriamente le potenzialità dei finalisti del concorso “Best CMS OpenSource” 😉 , passando in rassegna

e andando a finire quasi sicuramente con lo scegliere Drupal ripromettendomi però di testare ancora meglio il vincitore Joomla. Intanto per prove volanti continuo a far visita a Open Source CMS 😉

Come installare applicazioni Linux su OSX – Fink

Simplehelp pubblica una semplice guida che ci aiuta nei primi utilizzi di Fink, applicazione open source, in grado di rendere utilizzabili applicazioni ideate per Linux su Mac OS X. Il tutorial, è diviso un 4 parti e corredato di screenshot che aiutano passo passo nell’istallazione di Fink, nella sua configurazione e nella istallazione e lancio delle applicazioni linux:

  1. Installing Fink and Fink Commander
  2. Configuring Fink
  3. Installing Linux applications
  4. Launching Linux applications with Quicksilver

Technorati Tags: , , ,