15 errori di web design

Designblog elenca 15 errori di web-design. L’articolo viene presentato in questo modo:

niente di nuovo sotto il sole, e mi aspettavo segnalazioni meno
scontate, ma è anche vero che ormai una vastissima fetta di utenti
della rete stimolata dal facile utilizzo di piattaforme readymade,
temi, template, codici da copiare e incollare, arriva di fatto a
occuparsi di design pur senza conoscerne le nozioni base. Ben venga
quindi un salutare ripasso!

Io aggiungerei che tante cose fanno bene anche a chi questo lo fa professionalmente… con tutta l’attenzione possibile, alla fine qualche cosa viene sempre dimenticata.

Non è che rappresentino un vero e proprio problema, col tempo, sito dopo sito, sono principi che vengono fuori da soli, ma tenerli sott’occhio non fa male.

  1. Contenuti non scritti appositamente per il web
  2. Page titles con bassa rilevanza per i motori di ricerca
  3. Contenuti che sembrano pubblicità o contenuti che fanno pubblicità: non mi importa quali libri venduti su Amazon ti piacciono, tanto loro non ti pubblicizzeranno mai e non farai mai soldi come loro affiliato
  4. Pubblicità troppo appariscenti: ad esempio blocchi di Adsense che spingono il contenuto vero a fondo pagina
  5. Violare i canoni del design, vedi Crap Design (Crap è un acronimo per Contrasto, Ripetizione, Allineamento, Prossimità).
  6. Far aprire nuove finestre del browser. Lascia che sia l’utente a decidere, se gli piacciono i tuoi contenuti tornerà
  7. Evita i link non standard, i collegamenti ipertestuali vanno sottolineati. Allo stesso modo evita i link striketrough (sbarrati). Anche se sono usati per indicare i link già visitati, possono confondere e sembrare correzioni.
  8. Non abusare di Flash, Flash necessita di un plug in, anche se offre funzionalità che non potresti avere altrimenti
  9. Incompatibilità dei browser: controlla prima come si vede il tuo sito sui maggiori browser
  10. Testo scrollabile, marquees, e animazioni in esecuzione costante
  11. URL troppo complessi, non vanno bene per i motori e per l’usabilità
  12. Pagine troppo lunghe: spezzale
  13. Navigazione poco studiata. Prova a cercare tra i vecchi contenuti del tuo sito, li trovi facilmente?
  14. Tempi di download eccessivi. Usa un software di grafica per comprimere meglio le tue immagini
  15. Troppe animazioni. Stancano l’occhio, usale solo per enfatizzare.
Annunci

Delicious 2.0 – Preview

Delicious è un servizio 2.0. Di duepuntozero ha gli intenti ed i modi ma non si può dire che ne abbia l’aspetto inteso nella maniera più materiale possibile che sul web dovrebbe tradursi con il (web)design. Fino ad oggi di 2.0 – dal punto di vista del web-design – poteva dirsi che Delicious ne conservasse tutti i crismi del minimalismo tanto in voga negli ultimi anni.

Sembra proprio che abbiamo deciso di rendere il servizio 2.0 a tutti gli effetti, anche per quel che concerne il layout delle pagine e la presentazione delle varie funzionalità. TechCrunch ci mostra, in esclusiva, la previw Delicious 2.0, la sua nuova interfaccia ed una panoramica delle nuove funzionalità (Navigation, Bookmarks, Side Bar, Action Box).

A prima vista è evidente la scelta (molto saggia) di continuare a percorrere la via del minimalismo – scelta quasi obbligata per servizi che hanno milioni di utenti che producono milioni di interazioni in brevissimi periodi di tempo – ma bisogna dire che questa volta si tratta di un minimalismo 2.0, molto ben organizzato e funzionale. A me piace 🙂

Per provare la nuova versione tenete d’occhio questa pagina: delicious/preview, nell’attesa che aprano le porte ad un numero maggiore di testers.